Nichelino (To) - Domenica 17 settembre 2017 circa 300 podisti si sono dati appuntamento a Nichelino per partecipare alla ventiquattresima edizione della "Corri a San Matteo", uno degli appuntamenti più classici del calendario podistico torinese, diventato un appuntamento irrinunciabile per tutti quei podisti che, dopo la pausa estiva, hanno bisogno di una gara non troppo lunga per verificare la loro condizione atletica. Anche quest'anno, infatti, il percorso di gara (quasi totalmente pianeggiante), presentava una lunghezza di poco inferiore ai dieci chilometri (9,8 secondo gli organizzatori, qualche centinaio in meno secondo il Gps).

Anche quest'anno l'organizzazione del Memorial "Mauro Finotti" é stata curata dall'Atletica Nichelino. Proprio gli organizzatori sono stati oggetto di critiche da parte di diversi partecipanti, a causa di una scarsa segnalazione di diversi incroci. Il percorso della gara, in effetti, presenta molte curve e, a causa dello scarso numero di volontari presenti sul percorso, non sarebbe stato impossibile perdersi o, addirittura, eludere la sorveglianza e non percorrere una parte del percorso. La situazione, purtroppo, non migliorerà nei prossimi anni se l'Atletica Nichelino non opererà un cambio generazionale al proprio interno: senza un buon numero di giovani appassionati di atletica, infatti, sarà difficile mantenere gli standard qualitativi garantiti nelle scorse edizioni dell'evento.

Rispetto alle scorse edizioni, in ogni caso, sono stati molti di più i protagonisti del podismo piemontese presenti a Nichelino. Il primo classificato, in forza al CUS Torino, é stato Amanuel Fabbri, che ha concluso la gara con il tempo di 30'30", uno dei migliori tempi delle ultime edizioni della corsa. Secondo, a soli dieci secondi dal vincitore, Massimiliano Digioia, dell'atletica Palzola. Terzo classificato, con il tempo di 32'18" (i primi due hanno letteralmente seminato la concorrenza), Giorgio Direnzo del Run Athletic Team.

Gara femminile dominata da Elisa Sartoretto, teserata per l'Atletica Borgaretto '75, che non ha avuto alcuna difficoltà a superare le avversarie del giorno e a riscattare la prestazione dell'anno scorso, quando aveva chiuso sul podio ma non era riuscita a vincere. Molto staccata dalla Sartoretto (che ha concluso la gara in 39') é arrivata al traguardo Priscilla Salerno, con il tempo di 41'33. Terzo posto per Marisa Cammalleri in 42'12".

Gara importante anche in casa Running Center Club Torino. Il coach Donato, infatti, ha potuto verificare il lavoro svolto in queste prime sedute svolte al Valentino dopo la pausa estiva, incentrate sugli allenamenti di media distanza in vista delle maratone autunnali e delle prossime "dieci chilometri", tra cui la "Hippo Run" del 24 e la Mezza di Torino del 1 ottobre. Dal punto di vista agonistico, ottima prova di Stefano Ranno, autore di un ottimo 36'03". Buona anche la prova di Luigi Maria D'Auria e Salvatore Raimondo, che hanno chiuso quasi affiancati, rispettivamente in 37'18" e 37'23". Buon esordio per Antonio Viola in 42'29" e, a chiudere la pattuglia degli "azzurri", buon ritorno per Giorgio Truccone, che ha chiuso in 43'25". 

Il bilancio della gara, in ogni caso, é decisamente positivo, anche perché sono stati davvero molti i nichelinesi ai nastri di partenza, segno evidente del fatto che l'atletica e il podismo sono apprezzati nei comuni dove esiste un punto di riferimento per la loro pratica. Donato D'Auria

Il podio del Running Center Club Torino alla "Corri a San Matteo"

(Foto: Sebastiano Spina)

Joomla templates by a4joomla